"La pressione fiscale nel 2020 diminuirà", assicura Antonio Misiani





“La manovra va letta in un orizzonte triennale, evitando di fermarsi solo agli impegni per il 2020”. In un’intervista al Corriere della Sera , il viceministro dell’Economia Antonio Misiani sostiene che innanzitutto verranno “disinnescate in parte anche le clausole di salvaguardia per gli anni successivi, liberando spazi per le prossime manovre” e che, inoltre, “approveremo 50 miliardi di risorse che si aggiungono a quelle già stanziate con le ultime tre leggi di Bilancio (circa 120 miliardi)” che andranno a finanziare un piano di investimenti pubblici che “si concentrerà sulle politiche ambientali e sulle infrastrutture sociali, a partire dall’aumento dell’offerta di asili nido”. In pratica, si tratta di 50 miliardi “per i prossimi 15 anni”, che ad avviso di Misiani è “il maggior finanziamento pluriennale mai deciso con una manovra di bilancio”.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 10 Ottobre 2019

Potrebbero interessarti anche»

"La pressione fiscale nel 2020 diminuirà", assicura Antonio Misiani





“La manovra va letta in un orizzonte triennale, evitando di fermarsi solo agli impegni per il 2020”. In un’intervista al Corriere della Sera , il viceministro dell’Economia Antonio Misiani sostiene che innanzitutto verranno “disinnescate in parte anche le clausole di salvaguardia per gli anni successivi, liberando spazi per le prossime manovre” e che, inoltre, “approveremo 50 miliardi di risorse che si aggiungono a quelle già stanziate con le ultime tre leggi di Bilancio (circa 120 miliardi)” che andranno a finanziare un piano di investimenti pubblici che “si concentrerà sulle politiche ambientali e sulle infrastrutture sociali, a partire dall’aumento dell’offerta di asili nido”. In pratica, si tratta di 50 miliardi “per i prossimi 15 anni”, che ad avviso di Misiani è “il maggior finanziamento pluriennale mai deciso con una manovra di bilancio”.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 10 Ottobre 2019

Potrebbero interessarti anche»